UNO SCRITTORE IN FAMIGLIA – Beppe Fenoglio raccontato dalla sorella Marisa

Nostri eventi
 Registrazioni chiuse
 
0
Data: 2017-11-12 17:00

Dopo l’incontro dello scorso mese di settembre con Marisa Fenoglio, che ha visto una grande partecipazione di pubblico e che è stata l’occasione di una “vera scoperta” per molti di coloro che non conoscevano la scrittrice, siamo lieti di proporvi di assistere con noi alla rappresentazione teatrale

“Uno scrittore in famiglia – Lettura in musica per voce narrante e pianoforte”

La vicenda umana di una famiglia piccolo-borghese che "scopre" nel suo interno la presenza di uno scrittore che diventerà uno dei grandi del '900. Un’intimità famigliare sui generis, raccontata dalla sorella, la sola che ne possa ancora testimoniare. Un percorso tematico e cronologico emozionante, in cui si alternano e si intrecciano celebri motivi amati da Beppe Fenoglio, intensamente legati all’atmosfera dell’epoca.

ANTEPRIMA NAZIONALE
con il patrocinio e il sostegno del Consolato Generale d'Italia di Francoforte 
e il contributo dell' Istituto Italiano di Cultura di Colonia.
 
 

 

Marisa Fenoglio ha scritto i testi di questa pièce in ricordo di suo fratello Beppe Fenoglio, lo straordinario autore di Alba noto per le sue opere quali Il partigiano Johnny, I ventitré giorni della città di Alba, La malora, per citarne solo alcune.

La rappresentazione (con Elena Zegna voce narrante e Giovanni Scotta al pianoforte) sarà messa in scena, presso l’International Theater di Francoforte (Hanauer Landstraße 7, 60314 Frankfurt) domenica 12 novembre alle ore 17.00 (ingresso dalle 16.50)

Prezzo del biglietto: 17 euro (16,40 in prevendita e on-line); per i soci di Italia Altrove: 8 euro (in prevendita o la sera stessa).

I biglietti si possono acquistare presso lo stesso Internationales Theater negli orari di apertura, oppure on-line al seguente indirizzo: http://www.ztix.de/event.php/1477120/

*****

"Negli anni ‘30 quando le automobili erano ancora ospiti illustri delle vie cittadine, Piazza Rossetti, adagiata lungo il fianco destro della cattedrale di Alba, restava per buona parte del giorno pigra e deserta, in compagnia soltanto dei rumori discreti che venivano dai negozietti alimentari e artigianali affacciati ai suoi bordi. Uno di questi apparteneva al padre di Beppe Fenoglio ed era una macelleria. Qui, al numero uno della piazza, si è svolta gran parte della vicenda umana dello scrittore. Una famiglia impreparata, sorpresa da un’inaspettata vocazione letteraria, un rapporto difficile ma intenso con la madre, il passaggio, contrastato, da figlio della piazza di mercato a grande della letteratura italiana, il successo postumo, longevo: uno scrittore quando è grande è sempre longevo, alcuni sono addirittura immortali… "

Così inizia, sul filo della memoria, il racconto di Marisa Fenoglio, figlia di Amilcare e Margherita Faccenda, sorella di Beppe e Walter Fenoglio. Una storia che si ricollega principalmente al numero civico 1 di Piazza Rossetti ad Alba, e dunque ritorna sui luoghi reali e sentimentali di Casa Fenoglio, che fu, vent’anni fa, il fortunato libro d’esordio dell’autrice. Anche sul palcoscenico, Marisa Fenoglio restituisce non solo uno spaccato autobiografico o la ricostruzione di un ambiente sociale ed economico tramontato con il secolo scorso, ma soprattutto la vicenda umana e culturale di una famiglia piccolo borghese che “scopre” al suo interno una improbabile (secondo schemi eminentemente classisti) realtà: la presenza di uno scrittore, che diventerà uno dei più grandi del Novecento: Beppe Fenoglio (1922-1963).
Attraverso dieci quadri (I Fenoglio / Nostra madre / La via letteraria / La macchina da scrivere / Beppe fratello / Fulvia / Fumo, tosse, malattia / Beppe se ne va / Alchimie familiari / Vivere altrove), la voce di Elena Zegna fa rivivere i sentimenti di una famiglia impreparata, sorpresa da un’inaspettata vocazione letteraria; il rapporto difficile ma intenso con la madre; il passaggio, contrastato, da figlio della piazza di mercato a grande della letteratura italiana; il successo postumo e la capacità di “parlare” sempre a nuovi lettori, soprattutto ai giovani.
Un’intimità famigliare sui generis, raccontata dalla sorella, divenuta anch’essa scrittrice e oggi la sola che ne possa ancora direttamente testimoniare. Alle parole si alternano e si intrecciano celebri motivi musicali, intensamente legati all’atmosfera dell’epoca: Over the rainbow, Voglio vivere così, Come canta il mio cuor, Smoke gets in your eyes, Night and day, liberamente arrangiati da Riccardo Zegna.
La immagini che accompagnano il racconto sono di Aldo Agnelli (© Aldo Agnelli / Archivio Centro studi “B. Fenoglio”, Alba).

Il testo di Uno scrittore in famiglia è tratto da un intervento tenuto da Marisa Fenoglio in occasione del convegno La forza dell’attesa. Beppe Fenoglio 1963-2013, promosso dalla Fondazione Ferrero di Alba nei giorni 15-16 novembre 2013.

Uno scrittore in famiglia è pubblicato nella collana «Altrasocietà» dei «Quaderni di cultura economica, politica e civile» del Centro studi “Piero Calamandrei” di Jesi (www.centropierocalamandrei.it).

Marisa Fenoglio è nata a Alba (CN) e vive a Marburg, in Germania. Scrittrice e drammaturga, si è laureata in Scienze naturali all’Università di Torino e nel 1957, subito dopo il matrimonio, si è trasferita ad Allendorf (oggi Stadtallendorf), piccolo paese della regione Assia in Germania, al seguito del marito. In Germania ha tenuto corsi di italiano nella Volkhochschule di Marburg. Nel 1995 ha esordito nella narrativa con Casa Fenoglio, cronaca famigliare pubblicata da Sellerio. Due anni dopo ha dato alle stampe, sempre per Sellerio, il romanzo autobiografico Vivere altrove, da cui è stato tratto l’omonimo spettacolo teatrale, messo in scena a Berlino nel 2007 e prodotto dalla compagnia Teatro Instabile Berlino. Sono seguiti nel 2002 Mai senza una donna (Sellerio) e nel 2004 Viaggio privato (Araba Fenice). È anche autrice di racconti in lingua tedesca – alcuni dei quali sono stati pubblicati sull’antologia Marburger Almanach (Jonas Verlag, Marburg) – e del dramma radiofonico Helix Pomatia, trasmesso più volte dall’Hessischer Rundfunk (emittente del Land dell’Assia). Del maggio 2012 è la pubblicazione de Il ritorno impossibile presso l’editore Nutrimenti.
 

                                         

 

 

Altre date


  • 2017-11-12 17:00

Powered by iCagenda